Spettabile Coopservice Soc. Coop. p. A.,
Vi scriviamo in rappresentanza del gruppo “Studenti Contro il Green Pass” che solo per Genova
conta oltre 700 persone tra studenti, docenti, genitori e personale amministrativo. Avendo
appreso che il Rettore dell’Università di Genova Dott. Delfino ha delegato ai vostri dipendenti di
portineria il controllo del Green Pass desideriamo informarvi sulle violazioni legali, tra le altre,
riguardo l’applicazione di quanto richiesto, come già inviato al Rettore stesso.


In considerazione Giuridica, il Green Pass istituito con Decreto-legge per accedere agli ambienti
universitari e per esercitare il diritto allo studio porta, in primo luogo, una violazione dell’articolo 2
della Costituzione in quanto la Repubblica “riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo” e
non li concede dietro autorizzazione poiché connaturati all’individuo e preesistenti allo Stato
stesso. Inoltre, pone in essere una discriminazione che contrasta l’uguaglianza formale, per cui
“Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali di fronte alla legge”, e sostanziale, per cui
la Repubblica deve porre in essere condotte volte a dare equità, incardinate nell’articolo 3 della
Costituzione. Esso, poi, è una chiara limitazione della libertà personale nei confronti di determinati
soggetti tutelata dall’articolo 13 della Costituzione per cui è assolutamente vietato comprimere
tale libertà “se non per atto motivato dell’autorità giudiziaria e nei soli casi e modi previsti dalla
legge”. Il Regolamento Europeo 953/21 vieta al punto 36 la discriminazione nei confronti dei
soggetti che non possono e non vogliono vaccinarsi mediante l’uso del Green Pass, vi ricordiamo
che per Sentenza della Corte Costituzionale 170/1984 il Diritto Europeo è sovraordinato a tutto il
Diritto interno e pertanto il Decreto-legge legato al Green Pass è inapplicabile e sospeso.
Qualunque atteggiamento volto a coartare chiunque di dotarsi di marchi o segni al fine di
identificarsi in un gruppo nazionale, viola l’articolo 6 della Legge 962/1967.


Vi informiamo che l’articolo 41 della Costituzione vieta a una società di svolgere attività “in
contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità
umana.”, che prendere eventuali accordi volti alla sovversione del sistema democratico e
pluralista costituito viola l’articolo 115 c.p.p. e può addirittura rimandare all’articolo 270 c.p.p.,
che un’eventuale costrizione rivolta ai vostri dipendenti nel richiedere il Green Pass a chiunque
entri nelle sedi universitarie viola l’articolo 611 del c.p.p. e che prestandosi a questa disposizione si
vedrebbero essi stessi imputati secondo “concorso di persone nel reato” articolo 110 c.p.p. .


Fiduciosi nella vostra comprensione,
Studenti contro il green pass dell’Università di Genova

Ti è piaciuto? Supportaci su Patreon
Categorie: Lettere

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
Ops... non puoi copiare questo contentuto.